Perché alcuni espatriati e turisti occidentali in Thailandia non prendono ancora sul serio il coronavirus?

Quando il governo ha annunciato nuove regole per minimizzare ulteriormente i contatti sociali il 18 marzo, è stato ampiamente applaudito come misure per prevenire ulteriori focolai. Significa che luoghi come bar, palestre, massaggi e cinema dovevano chiudersi con effetto immediato.

Proprio questa settimana stavo parlando con alcuni espatriati e sebbene alcuni fossero giustamente preoccupati, molti hanno detto che era la propaganda dei media a dire “mostrami qualcuno che non è una persona infetta?” E che gli incidenti stradali in Thailandia causano più morti ogni giorno. Sono stato un po ‘scioccato a dire il vero, sembra che qualsiasi argomento di attualità in questi giorni abbia incontrato una sorta di teoria della cospirazione.

Chiaramente il tasso di infezione in Tailandia, per confronto della popolazione è prossimo allo zero (69 milioni di popolazione contro 272 casi confermati al 18 marzo 2020), ma è la crescita e l’incertezza che sono alla base della paura. Il tasso di infezione da coronavirus potrebbe esplodere ed è per questo che non è possibile confrontarlo con il numero di morti per traffico stradale ogni giorno.

Eppure molti espatriati e visitatori occidentali a Pattaya, sulla base di osservazioni e conversazioni, sembrano semplicemente respingere l’intera questione.

In un recente sondaggio sulla mia pagina Facebook ho chiesto agli espatriati “Sei preoccupato che il coronavirus peggiori in Thailandia?”. Un 56% molto significativo ha dichiarato “No”.

Leave a Comment