Phuket e altri luoghi turistici in Thailandia prevedono di riaprire questo inverno

Phuket e altri luoghi turistici in Thailandia prevedono di riaprire questo inverno

La Thailandia si aspetta che l’arrivo degli stranieri inizi prima dell’inverno in quanto prevede di riaprire i punti di interesse turistico per salvare la sua industria del turismo in difficoltà

La Thailandia sta mettendo a punto un piano che consentirebbe agli europei in pensione e in cerca di sole di trascorrere i prossimi mesi invernali nel paese nel tentativo di salvare la sua industria del turismo in difficoltà.

Sebbene i confini della nazione asiatica siano stati chiusi alla maggior parte degli stranieri dalla fine di marzo per combattere la pandemia, il governo sta ora pianificando di concedere visti agli stranieri che vogliono rimanere in Thailandia per un massimo di nove mesi, ha affermato Boon Vanasin, presidente del Thonburi Healthcare Group Pcl, la terza più grande azienda ospedaliera privata della nazione, che gestisce ospedali e case di riposo.

Questi visitatori a lungo termine inizieranno il loro soggiorno con una quarantena obbligatoria di 14 giorni e diversi test antivirus nell’hotspot turistico di Phuket. Dopo tre settimane sull’isola e risultati negativi dei test, sarebbero liberi di viaggiare in altre regioni thailandesi, secondo Boon, che ha affermato di avere una conoscenza diretta del piano del governo e si aspetta che gli arrivi inizino prima dell’inverno.

Mentre il governo ha approvato il piano in linea di principio, sta ancora finalizzando misure per ridurre il rischio di infezioni da virus, ha detto la portavoce del governo Traisulee Traisoranakul.

L’apertura è un’ancora di salvezza per la devastata industria del turismo e dell’ospitalità thailandese, che sta lottando per sopravvivere dopo cinque mesi senza visitatori stranieri. Sebbene la Thailandia sia stata uno dei paesi di maggior successo al mondo nel frenare il Covid-19 – non ha avuto un caso trasmesso a livello locale per tre mesi – la sua economia dipendente dal turismo è stata una delle più colpite a livello globale, secondo le proiezioni un record dell’8,5% quest’anno.

La mossa arriva mentre le economie dipendenti dal turismo – da Bali in Indonesia alle Hawaii negli Stati Uniti – sono alle prese con la pandemia, che ha praticamente arrestato i viaggi globali. La riapertura ai turisti ha portato alla recrudescenza dell’infezione in alcuni luoghi come l’isola caraibica di Aruba, ei governi temono di trovare un equilibrio sbagliato tra salute pubblica e aiuto economico.

Il nuovo piano della Thailandia consentirà a milioni di anziani provenienti da paesi europei come la Germania e la Svezia, che di solito trascorrono i mesi invernali nei paesi più caldi del Mediterraneo, di considerare invece la nazione asiatica come al sicuro dal rischio di infezione, ha affermato Boon.

Ha detto che la sua azienda ha risposto alle domande delle comunità di pensionati europee che potrebbero ammontare a 50.000 anziani che si recheranno in Thailandia per il prossimo inverno. Ha in programma di collaborare con gli hotel per fornire strutture di quarantena e alloggi a lungo termine per gli anziani e altri visitatori che soggiornano a lungo, che potrebbero arrivare tramite voli charter prima dell’inizio dell’inverno.

Thai Airways International Pcl ha dichiarato che opererà almeno due di questi voli al mese a partire dalla fine di novembre per collegare Phuket con paesi come Danimarca, Germania e Regno Unito.

“Molti anziani non vogliono trascorrere il loro tempo in un inverno freddo e rigido. Vogliono un clima tropicale “, ha detto Boon. Circa il 90% dei clienti di Thonburi prima della pandemia era internazionale.

Ma non è chiaro se il governo intenda far entrare così tanti stranieri. Giovedì, il vice capo dell’esercito thailandese ha detto che il paese stava meditando sui piani per riaprire i visitatori di lunga durata e gli stranieri che possiedono proprietà locali, ma questo ammonterebbe a solo “centinaia di persone.

L’economia ha un disperato bisogno di una spinta. Prima della pandemia, i turisti europei andavano in vacanza a Phuket e nelle aree circostanti per un periodo compreso tra due settimane e due mesi, ha affermato Bhummikitti Ruktaengam, presidente della Phuket Tourist Association.

Secondo i dati del governo, più di 6,7 milioni di europei hanno visitato la Thailandia nel 2019 e hanno contribuito con 461 miliardi di baht (14,7 milioni di dollari) all’economia thailandese. Rappresentano circa il 17% del totale dei visitatori stranieri e il 24% della spesa estera totale.

“L’economia di Phuket ha bisogno che la domanda estera si riprenda, ma dobbiamo anche bilanciare i rischi di infezione e l’economia”, ha detto Bhummikitti.

Il governo thailandese ha cercato di promuovere il turismo interno con una campagna per pagare il 40% dei conti degli hotel dei viaggiatori, ma la spesa locale da sola non può compensare la perdita di stranieri. A Phuket, i visitatori stranieri rappresentavano i due terzi dei turisti complessivi, ma contribuivano al 90% delle sue entrate turistiche.

“Consentiremo prima a un piccolo numero di visitatori stranieri di entrare nel paese per testare il nostro sistema”, ha detto mercoledì il primo ministro Prayuth Chan-Ocha. “Dobbiamo fare qualcosa in modo che la situazione non peggiori con le aziende che chiudono e le persone perdono il lavoro”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *