Modello di Phuket da provare a livello nazionale

Modello di Phuket da provare a livello nazionale

PHUKET: Thailand Longstay Company si sta coordinando con circa 200 potenziali turisti che saranno i primi a recarsi nella provincia di Phuket in base a misure contro COVID-19, con il Ministero del Turismo e dello Sport che vede il gruppo come un test del cosiddetto Phuket Modello, riferisce l’agenzia di stampa statale NNT.

Il ministro del turismo e dello sport Phiphat Ratchakitprakarn ha affermato che il suo ufficio e l’Autorità per il turismo della Thailandia (TAT) stanno esaminando le città straniere prive di COVID-19 per almeno 28 giorni e stanno valutando la domanda di viaggi in Thailandia, in modo che la collaborazione con quei paesi può essere discusso, diceva il rapporto.

Il modello di Phuket, da utilizzare per tali turisti, è stato concettualizzato dalla Thailand Longstay Company, che sta cercando di portare 200 turisti nella provincia meridionale, aggiunge il rapporto.

Le misure per tali visitatori includeranno la richiesta di un certificato medico, rilasciato entro 72 ore dal viaggio nella nazione di origine e presentato all’ambasciata thailandese locale, e una quarantena di 14 giorni all’arrivo. I viaggiatori saranno limitati alla singola provincia con l’obbligo di entrare in un’altra quarantena di sette giorni se desiderano partire per un’altra provincia. Coloro che risultano negativi per COVID-19 dopo 21 giorni potranno viaggiare in tutto il paese, spiega il rapporto.

Il primo ministro Gen Prayut Chan-o-cha, ha suggerito a ciascuna regione di selezionare una provincia pilota per provare il modello. Ha chiesto un accordo pubblico per creare fiducia, ha aggiunto.

Thanyapura Health 360
Il ministro del turismo Phiphat ha anche commentato il programma We Travel Together, che è stato recentemente ampliato da cinque notti a 10 e da B1.000 per i voli a B2.000, affermando che la capacità di spesa nella nazione è attualmente ridotta.

Finora, il programma ha portato a prenotare solo 500.000 camere da un obiettivo di 5 milioni.

È stato suggerito che le grandi aziende acquisiscano i privilegi e li utilizzino come ricompensa per i dipendenti. Si chiede al governo di prorogare il programma fino alla fine dell’anno, anziché solo a ottobre, a sostegno dell’alta stagione, osserva il rapporto.