Capo TAT: la quarantena rimane per 1 giorno per testare tutti i visitatori, non si torna alle vecchie scene dei pub turistici

Il capo della TAT esclude di tornare alla vecchia formula del turismo thailandese di bar affollati e vita notturna. Insiste sul fatto che il regno stia invece perseguendo un mercato di qualità superiore e più adatto alle famiglie. Yuthasak Supasorn sottolinea inoltre l’importanza vitale della cooperazione tra il governo nazionale, il governo locale e le agenzie statali nel continuare a monitorare e controllare il processo di riapertura per proteggere la popolazione dalla minaccia del virus COVID-19. Giovedì, c’è stata una svolta significativa quando il Ministero degli Affari Esteri ha annunciato che anche il sistema del certificato di ingresso cesserà il 1° novembre e sarà sostituito da un nuovo sistema basato sul web “Thailand Pass” che conferma lo stato di vaccinazione di un passeggero per viaggiare verso Thailandia più facile.

Pochi giorni dopo quello che sembrava essere un annuncio spartiacque del primo ministro thailandese Prayut Chan ocha che il paese avrebbe riaperto su base generale ai visitatori di un elenco iniziale di 10 paesi senza quarantena e un suggerimento che sia l’alcol che la vita notturna potrebbero essere consentiti dopo dicembre , arriva la notizia che verranno mantenuti controlli più severi.

Secondo il governatore dell’Autorità per il turismo della Thailandia (TAT) Yuthasak Supasorn, negli ultimi giorni ci sarà ancora un obbligo di quarantena di un giorno per tutti i visitatori, mentre ha anche suggerito che non si sarebbe potuto tornare all’ex mercato del turismo con scene di vita notturna frenetica poiché la Thailandia cerca un nuovo seguito turistico.